Motor Bike Expo Verona 2016: solo le migliori special (parte 2)

Testo    Francesco Bucci    /    Foto   Alice Franchi

Sempre sul pezzo, Special Cafe vi regala la sua selezione delle migliori customizzazioni direttamente dall’Expo di Verona.
Come dite? Vi siete persi la prima parte? Nessun problema: cliccate qui per vedere il meglio di Moto Guzzi e delle tre giapponesi Yamaha, Kawasaki e Suzuki.

Triumph

Triumph vuol dire Bonneville, gli appassionati lo sanno. Ancora una volta la Casa inglese punta sul suo cavallo vincente dedicandogli uno stand intero: Street Twin, T120 (anche in versione Black) e la nuova Thruxton. Agile ed accessibile la prima, autentica icona del connubio tra classico e moderno la seconda. Con la Thruxton, in specie nella versione Racing, la Triumph osa di più con un marcato ritorno alle linee cafe racer degli anni settanta: quello che più ci piace è l’espressa volontà di rendere il modello aperto alla customizzazione con gli “inspiration kit” come base da cui muovere i primi passi. Da non perdere le due special, realizzate in collaborazione con Icon Panorama e Pirelli.

Mash

Non poteva mancare all’appuntamento Mash, che stupisce con una “piccolina”: la Cafè Racer 250 è una monocilindrica tutto pepe con linee eleganti e classiche. Mash Italia ha modificato il modello originale della Mash Motors arretrando le pedane e dotando la Cafè Racer di semimanubri racing e dello scarico a tromboncino.

Presenza massiccia della Bmw che pone al centro del suo stand la nuova R nine T Scrambler, ampiamente personalizzabile, come già abbiamo potuto vedere alla presentazione ufficiale ad EICMA 2015.

A noi è piaciuta anche la compagnia della Scrambler: accanto alla “regina della festa” infatti la Bmw mette in mostra sette “damigelle d’onore”, sette special su base R nine T realizzate da professionisti e privati italiani.

Tante tante foto per voi nella gallery, fra cui Omniaracing, Deus ex MachinaZard, Luismoto ma anche Leonardo Baronci, Lorenzo Costantini e Giovanni Gentilini.

Bitubo

Ma non parliamo solo di moto: Special Cafe è andato a curiosare in giro e fra le tante proposte ci ha colpito la nuova serie di ammortizzatori WME e WMB della Bitubo. Novità dedicata alle Harley Davidson a cui piace vestire di nero, “Dark Edition” è il nome di battaglia di questa nuova linea: versione V2 con testine di attacco superiori ed inferiori in lega di alluminio ricavate dal pieno, corpo e stelo costruiti in acciaio legato ad alta resistenza e molle in acciaio legato Cr-Si… di colore rigorosamente nero. La WME differisce dalla compagna per la presenza, accanto al precarico della molla con regolazione millimetrica tramite ghiera, anche della regolazione in estensione.