HARLEY-DAVIDSON 883 SPORTSTER: A volte morde la terra

Un’Harley 883 trasformata in una off road di carattere, con qualche chilo in meno e tanta grinta e agilità

Tratto da Special Cafe #11

Testo  Fernando Felli   /   Foto  Roberto Brodolini

“On the road” non vuol dire solo macinare chilometri su infinite strade asfaltate, lisce come le cosce di una pin up, ma anche percorrere tratti polverosi dove ogni asperità della superficie si trasforma in una compressione delle vertebre, che ti arriva puntuale come una frustata improvvisa. Mettere le ruote tassellate sulla terra, disegnare derapate inimmaginabili, beh, questa è libertà, questo è il sogno che ogni rocker desidera vivere. A questo sogno non ci ha rinunciato Mauro Iannicelli, trasformando la sua Sporty in un’accattivante versione dell’Harley-Davidson XL 750, sì, proprio quella preferita dallo stuntman yankee Evel Knievel e da lui stesso. Tutto ha inizio nell’officina Exhmed di Mauro, luogo di perdizione per molti motociclisti insoddisfatti delle versioni standard o con il chiodo fisso della trasformazione, a volte radicale e outlaw, capace di appagare un sogno dal retrogusto pungente come solo l’odore della benzina sa essere.

Le modifiche apportate non sono tante, ma necessarie per trasformare una monaca da gita fuori porta in una ragazza da infarto. Il motore della H-D è stato semplicemente fornito di un carburatore Mikuni da 40 mm e un doppio scarico alto Supertrapp. La ciclistica è quella che inevitabilmente ha subito più modifiche. I cerchi sono da 19” a canale liscio per ospitare i pneumatici tassellati Heidennau, entrambi da 4,00×19”. La forcella è quella originale H-D da 39 mm, irrobustita con molle progressive, mentre gli ammortizzatori posteriori sono Hagon con escursione di 35 mm. Altra modifica richiesta dall’uso in off road è stata quella di sostituire la cinghia di trasmissione secondaria con la catena.

Da una Sportster ad una XL 750

Il ponte di comando è essenziale come nella tradizione fuoristradistica. L’ampio manubrio permette il controllo della moto in tutte le situazioni. Il faro è stato acquistato in un mercatino e si inserisce perfettamente nelle linee di quest’Harley. Il particolare che dona alla Sporty la sua rude identità è la sostituzione del serbatoio e della sella di serie con quelli ispirati dalla linea e i colori inconfondibili della H-D XL 750. Questi due accessori sono stati realizzati in vetroresina dalle mani esperte di Mauro, noto artigiano creativo di San Salvo. Un aneddoto simpatico: il rivestimento della sella è stato cucito da sua madre.

La fase “bestemmiometrica” è stata quella di “raggiare” il cerchio posteriore a mano, un’impresa titanica per veri uomini. Lo sterrato chiama e scatena quella voglia selvaggia, istintiva, di avventura, di terra smossa, di polvere ovunque. Le caratteristiche funzionali di questa Sportster sono più adatte a disegnare morbide derapate sul terreno, che a lanciarsi in salti acrobatici. Tiro e docilità aiutano nei passaggi più impegnativi e al momento giusto la Sporty è pronta a soddisfare i più bassi istinti del biker esigente, uno di quelli pronto a lasciare la piatta superficie asfaltata con una fulminea derapata. Una special riuscita in pieno, avendo sempre davanti agli occhi l’immagine della indimenticabile Harley-Davidson XL 750, sogno concretizzato dalle sapienti mani e dalla vera passione di Mauro.

TECHNICAL DATA

Harley-Davidson 883 Sporster – Proprietario: Mauro Iannicelli – Costruttore: Exhmed

ENGINE & TRASMISSION

  • Motore 4 tempi, 2 cilindri a V da 45°
  • Raffreddamento ad aria
  • Cilindrata 883,10 cc
  • Alesaggio x corsa 76,20 x 96,82
  • Accensione elettronica
  • Alimentazione a carburatore Mikuni da 40 mm
  • Aspirazione std
  • Impianto di scarico Supertrapp 2in2
  • Frizione multidisco a bagno d’olio
  • Trasmissione primaria a ingranaggi a denti dritti
  • Cambio a 5 rapporti

CYCLISTIC

  • Telaio monotrave superiore in acciaio
  • Forcella std con molle rinforzate
  • Sospensione post. ammortizzatori Hagon, escursione 35 mm
  • Cerchio ant. 19″ x 2,50
  • Cerchio post. 19″ x 3,00
  • Pneumatici tassellati Heidennau, ant. e post. 4,00 x 19″
  • Impianto frenante std, ant. disco da 292 mm con pinza a 2 pistoncini, post. disco da 292 mm con pinza a 1 pistoncino
  • Peso a secco 221 kg (27 kg in meno del modello std)

ACCESSORIES & BODY

  • Serbatoio e sella artigianali in vetroresina Exhumed
  • Faro acquistato in un mercatino e adattato
  • Manubrio flat track
  • Verniciatura by Exhumed
  • Raggiatura ruota posteriore

Tratto da Special Cafe #11

Potrebbero interessarti

Io sono Leggenda – il Ritorno dell’Honda Monkey

27 Marzo 2019/da Special Cafe

Sogno Nero

Il Vesuvio all'orizzonte e una Street Triple esclusiva tra le mani. Sergio Giordano ci parla della sua ultima Serie Limitata su base Triumph.
18 Febbraio 2018/da Special Cafe

MOTO DEL LETTORE: Moto Guzzi V50 1982

Si chiama Luca e ci scrive dall'estremo sud della Sardegna. Ma il suo cuore batte per la bella V50 vintage di Mandello del Lario: scoprite di più sulla sua "special da garage"
14 Ottobre 2017/da Special Cafe

MOTO DEL LETTORE: Honda CB 750 Bol d’Or

Un CB 750 del 1984 rivisitato in chiave Bol d'Or dal nostro lettore Riccardo di Vintage Motorcycles.
7 Ottobre 2017/da Special Cafe

Dirty Sunday: elogio al flat track “ignorante”

Un evento spericolato, fuori dalle righe, per gli amanti della polvere e del rischio. Per chi la domenica pomeriggio si annoia.
7 Ottobre 2017/da Special Cafe

Scrambler Esse Esse

Street Scrambler Special con cubatura elevata a 800 cicì per una Norton superlativa dal comportamento sopra le righe ma con un occhio alla solidità d’insieme.
3 Ottobre 2017/da Special Cafe

BMW R 65 1980: Solo parti… SPECIALI

Massimo viene dal mondo del restauro di auto d'epoca ed è abituato a ricostruire filologicamente la storia del mezzo, riportandolo alla sua origine nel modo più fedele possibile. Stavolta ha deciso di lavorare in modo diverso... ed è subito special.
30 Settembre 2017/da Special Cafe

Tra i Ghiacci del Bajkal

Un'avventura lunga 2000 km tra le coste del bacino d'acqua dolce più grande del mondo. Un viaggio in sidecar attraverso l'inverno siberiano per incontrare quei russi che lasciano la periferia delle città post-sovietiche per scegliere la vita nella taiga.
27 Settembre 2017/da Special Cafe
Carica di più
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.