The SPECIAL CAFE best of 2016

Lungi dal voler compilare una classifica, ripercorriamo un anno di moto speciali passato insieme: fra “instant classic”, elaborazioni particolari e cafe racer di qualità indiscussa.

a cura di Francesco Bucci

La fine dell’anno è un momento in cui ci piace fare bilanci, ricordare quello che è stato e lanciarci in programmi e desideri per il futuro. Qui nella redazione di Special Cafe non amiamo le classifiche, ma senza dubbio ci piace tornare con la mente alle special più interessanti che abbiamo incontrato nel corso del 2016.

Nessuna pretesa di completezza, nessun ordine di preferenza: solo una “carrellata” di alcune delle moto speciali più belle dell’anno passato: ve le abbiamo servite bollenti sulle pagine del nostro magazine o ve le abbiamo raccontate settimana dopo settimana su specialcafe.it… se ve le siete perse è proprio il caso di rimediare!

MOTUL ONIRIKA 2853

gpdesign 2016

Presentata ufficialmente al Motor Bike Expo di Verona 2016, l’Onirika è un pezzo unico commissionato da Motul Italia a Officine GPDesign di Luca Pozzato. La base è una mostruosa MV Agusta Brutale 800… il risultato finale è una special che colpisce allo stomaco con finiture eccezionali ed uno sguardo al futuro.

Leggi l’articolo dedicato!

HONDA INTERCEPTOR

Non poteva mancare la particolarissima Honda VF500F Interceptor dell’84 ripensata dall’amico americano Craig Rodsmith. Uno che le moto le lavora a mano, artigianalmente, prendendosi il suo tempo… senza paura di complicarsi la vita o rallentare la tabella di marcia. Il risultato è questa creatura di cromo e pelle, senza dubbio fra le special più interessanti del Mama Tried Motorcycle Show 2016.

Leggi l’articolo dedicato!

TRIUMPH FORTY

Abbiamo amato la Triumph Bonneville T100 elaborata dai ragazzi di Rustom: l’abbiamo amata talmente tanto che gli abbiamo dedicato la copertina del nostro numero di Marzo. Ogni elemento è realizzato in metallo, modellato secondo le forme volute: l’aspetto è di una board track con un bel po’ d’anni sulle spalle, ma in realtà è un concentrato di tecnologia: riconoscimento impronta digitale, gps installati nel serbatoio e faro anteriore LED su tutti.

Ti sei perso Special Cafe #29: nessun problema!

YAMAHA XJ600 CAFE TERROR

Fra le più chiacchierate della Rete, la “Cafe Terror” viene dal polacco Custom Operational Group e non va tanto per il sottile. Via tutta la carena plasticosa dal sapore anni ’80 e spazio al DOHC Four 4 cilindri da 600cc… impossibile non restare impressionati da questo lavoro.

Leggi l’articolo dedicato!

BMW RNINET 2SHOT

Graffiata e graffiante è la tedescona sulla copertina di Special Cafe #31, un’elaborazione dei ragazzi australiani di Gasoline che ci ha lasciato a bocca aperta: dietro la moto una storia di passione, coraggio, incidenti stradali e voglia di riscatto. Se vi siete persi il servizio… vale la pena recuperarlo!

Special Cafe #31 è in digitale!

DUCATI VELOCITA‘ D’EPOCA

Tra l’Inghilterra degli anni ’50, l’Emilia degli anni ’70 e il futuro: la cafe racer su base Ducati 900 SS/SP da BCR Designs è esattamente come dovrebbe essere una special secondo noi. Aggressiva, dichiaratamente old-school, customizzata in tantissimi elementi (eccezionali gli impianti di scarico modellati in acciaio) e un cuore pulsante direttamente da Borgo Panigale che non guasta mai. Sugli ottimi lavori di Benjie’s cafe racers siamo tornati anche su Special Cafe #33, adesso in edicola!

Leggi l’articolo dedicato… o approfondisci il Viaggio su Special Cafe #33!

SUZUKI GSX 1100 CAFE SKATER

Una scelta controcorrente, che lascerà molti puristi contrariati… ma a noi il lavoro di Ed Turner ha convinto. Spigolosa, disarmonica, al centro di tutto un serbatoio striminzito ricoperto di adesivi a dominare il maestoso 4 cilindri 16 v di casa Suzuki. Di certo non una cafe racer canonica. Di certo la ricorderemo a lungo.

Leggi l’articolo dedicato!

SPORTSTER GRAND PRIX

A riscoprire l’amore per le motociclette fatte a mano, a partire dalle fondamenta, ci ha aiutato Curtis Miller di Ardent Motorcycles con la sua “Grand Prix”. Uno che ha iniziato a lavorare sulle moto alla soglia dei 60 anni ma che ci ha messo una tale passione da divenire in poco tempo in grado di mettere insieme un lavoro meticoloso e ricco di influenze dal mondo della competizione dei Sixties.

Leggi l’articolo dedicato… o approfondisci su Special Cafe #30!

GUZZI LE MANS OLD ENDURANCE

Ottima preparazione dei ragazzi di Ton-Up Garage, alle prese con una Le Mans 1000 del ’76 totalmente ripensata per esaltare lo spirito racing e l’ispirazione da vera endurance. – Per capire davvero cosa fosse in grado di fare, siamo stati “costretti” a partecipare ad alcune gare stradali illegali… e possiamo affermare con onestà che la Le Mans non ha niente da invidiare a tante moto nuove di pacca e recenti modelli classici, dimostrando ancora una volta che l’età non conta! –

Leggi l’articolo dedicato!

GSXR 750 R MAJOR TOM

Chiudiamo col botto! Ormai Icon 1000 si è affermato come una delle officine dotate della “maggiore potenza visiva” sulla piazza: grandi servizi fotografici e video, pezzi unici ad altissimo budget, una visionarietà ormai chiaramente riconoscibile. Il “blockbuster” di quest’anno secondo noi è stata la “Major Tom” dedicata a David Bowie, una GSXR con influenze anni ’80 e sci-fi che non potrete non amare.

Leggi l’articolo dedicato!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.