Lord Of The Bikes 2017

Si concludono le 6 puntate dell’edizione annuale ed il verdetto finale recita RADIKAL CHOPPER. Come sempre però vincono tutti… soprattutto la nuova V7 III Special di Moto Guzzi!

a cura di Francesco Bucci

E fanno due. Si chiude la seconda edizione di Lord Of The Bikes, lo show targato Sky che ha l’indubbio merito di parlare di moto speciali al grande pubblico. Sotto la regia di DJ Ringo e dei giudici della gara (Barbacane, Sormani, Aryk e Guareschi) hanno sfilato le preparazioni, rigorosamente su base Moto Guzzi di una folta schiera di officine.

Al termine delle 6 puntate abbiamo avuto modo di ammirare le “fantasie di ferro” di Svako Motorcycles, Café Racer Napoli, Vibrazioni Art Design, MS Artrix Design, ChopWorks, Radikal Chopper, Mr. Martini, Officine Mermaid, Dragoni Moto e Abnormal Cycles. Storia, stili e filosofie di building spesso agli antipodi: in comune la passione per le due ruote e per il lavoro delle proprie mani, con la consapevolezza che da uno show del genere si esce tutti vincenti. In particolar modo Moto Guzzi che nel corso di questa edizione ha avuto modo di dimostrare la versatilità e la naturale propensione alla customizzazione di vari modelli di serie: l’Audace, l’Eldorado, la Griso e le nuove V9 Roamer e V9 Bobber.

Nella finalissima, in cui i contendenti hanno avuto la fortuna di mettere le mani sulla nuovissima V7 III Special, l’ha spuntata RADIKAL CHOPPER: la “Dynamica” è la moto che ha meglio interpretato, a detta dei giudici, il tema della serata “La Moto del Futuro”. Linee affusolate e una carrozzeria monoscocca in alluminio lasciato al naturale sono gli ingredienti che hanno convinto la giuria della bontà della proposta dell’officina milanese.

L’occhio attento degli appassionati si è però soffermato sulla moto di base, la terza incarnazione di uno dei modelli più celebri e conosciuti della casa di Mandello Del Lario. Dal 1967, anno in cui furono commercializzati i primi esemplari, la V7 è sempre stata simbolo dell’eccellenza della motocicletta italiana, capace di raccogliere l’apprezzamento di un pubblico trasversale ed eterogeneo La V7 III torna con tre versioni differenti, dotate di forte carattere, come la Stone, la Special e la Racer. Ad affiancarle l’edizione in serie numerata e limitata (solo 750 esemplari) denominata Anniversario, caratterizzata da una serie di dettagli di particolare pregio.

Ancora una volta Moto Guzzi manda un messaggio forte e chiaro: se la moto la si vuole speciale, prendete in considerazione il “settemmezzo” di Mandello!