Prima Tappa Campionato Italiano di Sprint Race FMI

Sul palcoscenico dell’ISAM di Anagni va in scena la prima tappa del Campionato più atteso dagli appassionati delle gare di accelerazione italiani.

 Foto Roberto Brodolini

Prende il via il Primo Campionato Italiano di Sprint Race FMI, nel contesto dello Yard Build Fest del 29 e 30 aprile. La location d’eccezione è il circuito ISAM di Anagni (FR), pista dedicata al collaudo e al test drive di veicoli di ogni genere e scelta dalla Federazione per ospitare il “warm-up” del campionato di nuova creazione.

Special Cafe era presente con la sua infaticabile macchina fotografica, pronto a raccontarvi i migliori momenti dell’evento, così come le preparazioni più interessanti, in uno speciale dedicato nel numero #36 (giugno-luglio).

La GARA 1, tenutasi nella mattinata del sabato, ha visto protagoniste 3 elaborazioni per altrettante categorie:

  • Classe SPECIAL 2T: Husqvarna 350 “Wasted Years” di Lorenzo Buratti… look da urlo, rinata dopo l’incidente nel trasporto di ritorno da Bonneville 2015, vanta prestazioni di assoluto rispetto. Ne sentirete parlare presto!
  • Classe STREET 4T: vince Giuliano Massimiliano Minutillo Turtur (scuderia Emporio Elaborazioni Meccaniche) sull’imponente Suzuki GSXR 750 dell’85
  • Classe SPECIAL 4T OPEN: vince ancora Giuliano Massimiliano Minutillo Turtur (scuderia Emporio Elaborazioni Meccaniche) su Yamaha FZR 1000

La Gara 2 domenicale vede confermare le stesse motociclette nelle prime due categorie  mentre nella SPECIAL OPEN il nuovo arrivato Andrea Signoretto si porta a casa il primo posto con il suo Suzuki GSXR 750 preparato per l’occasione.

Momenti “speciali” della manifestazione sono stati la Show-Run “Poker d’Assi”, in cui si sono sfidate sul rettilineo dell’ISAM altre 4 super special: la “Cobra” guidata da Andrea Erba per Emporio Elaborazioni Meccaniche, “La Dini” con Giorgio De Angelis per De Angelis Elaborazioni, “Grit” guidata da Marco Graziani per CC-Racing e la “Suicide Frank” di Francesco Organo. Strappa la vittoria “La Dini”, BMW K1100 già protagonista negli scorsi Motodays.

Esilarante la “gara di lentezza” in cui si sono cimentati 10 partecipanti iscritti sul momento al grido di “vietato mettere il piede a terra”. Altrettanto ricca di divertimento la gara di pushing “Fomento Spring Race” in cui oltre 15 skater si sono sfidati all’ultimo fiato mettendo a rischio la propria incolumità in ruzzoloni estremi.

Il premio come Best in Show, con il casco DMD Helmets come trofeo,  va ad una moto non gareggiante ma di qualità indiscutibile: la Triumph Trophy 900 di Stefano Centi… altra special su cui Special Cafe ha già messo a fuoco l’obiettivo.

Per chi non c’era ma avrebbe voluto… potrà rifarsi con le prossime due tappe del Campionato.

  • The Reunion – 20 e 21 maggio (Monza)
  • Wildays – 27-28-29 maggio (Varano de Melegari)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.