Dirty Sunday: elogio al flat track ignorante

Un evento spericolato, fuori dalle righe, per gli amanti della polvere e del rischio. Per chi la domenica pomeriggio si annoia.

testo Alessandro Ferraro      foto J. Présani

Da qualche anno stiamo assistendo al ritorno in auge di una disciplina che sembrava essere rimasta appannaggio di pochi “connoisseurs” del mondo delle due ruote. Stiamo parlando del flat track: gare di velocità su piste ad anello non asfaltate. Perché piace? Perché la moto si piega, la ruota scivola e se non hai gli attributi giusti ti impianti alla prima curva.

Basta pensare ad alcuni eventi nostrani, come Wildays o The Reunion, per constatare quanto l’accoppiata raduno & flat tack stia diventando il binomio collaudato che ognuno ormai si aspetta di vedere.

Ma mentre qui da noi tutto è svolto in sicurezza, con le giuste precauzioni e l’esperienza dei ragazzi della “Di Traverso School”, in Francia, nelle campagne del sud-ovest, a fine settembre prende vita già da cinque anni un evento che con la “cautela” ha poco a che fare.

Dirty Sunday nasce perché, a volte, ci si annoia! Allora si abbozza una pista in un prato, si accende un falò nel centro dell’ovale e con il proprio sidecar ci si lancia in curva senza tener minimamente conto di quella piccola legge fisica chiamata forza centrifuga.

Poi come se ciò non fosse già abbastanza, si crea un grande cerchio di fuoco e ci si salta dentro, di notte ovviamente, mentre la folla scalpita in preda ai fumi dell’alcol. Si cade? Ci si rialza! Ci si fa male? Tanto c’è il casco! (almeno quello sembra che si usi).

Si corre in canottiera, in costume e con le moto più disparate. Qualifiche e classifiche non importano. Quello che conta è saziare la voglia di evasione dal quotidiano e spegnere il cervello per qualche minuto con il motore del proprio ferro che grida sotto il culo.

Musica dal vivo, spettacoli con stuntmen professionisti, dirt bikes, custom e choppers: salutate baguette e croissant e preparatevi a mangiare fango e polvere. Voilà, il menu è servito!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.